Ok Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies e non salva nessun dato personale automaticamente, ad eccezione delle informazioni contenute nei cookies. Per maggiori informazioni: Cookie Policy
Artrite reumatoide: 15 super cibi + 1 che alleviano i sintomi

Artrite reumatoide: 15 super cibi + 1 che alleviano i sintomi

 (8424)    (1)    0

  Salute Benessere  

L'artrite reumatoide è una malattia autoimmune cronica che può causare gravi disabilità nei pazienti.

È caratterizzata da dolore, gonfiore e rigidità delle articolazioni e costituisce il 6% delle malattie reumatiche in Italia. Si contano infatti 400.000 malati in Italia, di cui il 75% sono donne (fonte Associazione nazionale malati reumatici - Anmar)

Quali sono i sintomi dell'artrite reumatoide?

I sintomi comuni di questa malattia includono:

  • Rigidità articolare o dolore, di solito i pazienti soffrono di rigidità mattutina
  • Perdita di movimento nelle articolazioni
  • Dolore al petto durante la respirazione
  • Secchezza della bocca e degli occhi
  • Occhi che bruciano e prurito
  • Intorpidimento, bruciore o formicolio alle mani e ai piedi
  • Disturbi del sonno

Quali sono le cause dell'artrite reumatoide?

L'artrite reumatoide è una malattia autoimmune che comporta che le cellule del corpo funzionano contro il corpo e iniziano ad attaccare i tessuti sani.

Di conseguenza il tessuto inizia a produrre infiammazioni producendo sostanze chimiche. Normalmente le articolazioni mobili nel corpo sono ricoperte da un tessuto speciale chiamato menbrana sinoviale che è responsabile della produzione di liquido sinoviale.

Esso serve a proteggere le articolazioni contro l'usura e fornisce alle articolazioni lubrificazione e nutrimento. Tuttavia, nel caso dell'artrite reumatoide, le cellule sinoviali iniziano a degradarsi causando infiammazione, arrossamento e dolore alle articolazioni.

Le cause responsabili di questa condizione potrebbero essere:

  • Fattore genetico, alcuni geni hanno un ruolo chiave nel causare l'artrite reumatoide.
  • Fattore ambientale, si ritiene che alcuni fattori ambientali inneschino mutazioni nei geni che possono causare l'artrite reumatoide. Tuttavia tali fattori non sono ancora noti.
  • Alcuni altri fattori associati all'insorgenza di questa condizione, tra cui fumo, infezioni virali, carenza di vitamina D o squilibri ormonali.

Sebbene i maggiori fattori non siano ancora noti, è certo che l'artrite reumatoide si sviluppa a causa dell'interazione di numerosi fattori.

Come si diagnostica l'artrite reumatoide?

In fase iniziale i medici effettuano una visita medica per accertare eventuali cambiamenti nel movimento articolare nei pazienti.

Tuttavia i principali test di laboratorio includono test per verificare la presenza del fattore reumatoide (anticorpo con proteina speciale prodotta dall'organismo per combattere gli antigeni estranei) o anti-CCP (anticorpi contro il peptide citrullinato ciclico) nel sangue.

Risultare positivi a questi test è una chiara indicazione dell'artrite reumatoide nel paziente. Oltre a questo i possono anche essere utilizzati raggi X per determinare eventuali deformità o distruzione delle articolazioni.

Qual è il trattamento per l'artrite reumatoide?

Di solito i pazienti che soffrono di artrite reumatoide sono invitati a riposare ed evitare un eccessivo movimento delle articolazioni colpite. Le principali classi di farmaci includono:

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per ridurre l'infiammazione
  • Farrmaci anti-reumatici (DMADR) per ridurre il decorso della malattia come metotressato, leflunomide, idrossiclorochina e sulfasalazina.

 Nonostante esistano dei trattamenti, l'artrite reumatoide non è una condizione che potrebbe essere completamente annullata.

Tuttavia, con una cura adeguata, interventi dietetici e la giusta integrazione, i pazienti possono condurre una vita perfettamente normale.

Ecco quindi i 15 alimenti +1 che potrebbero ottimi per alleviare i sintomi in caso di artrite reumatoide

1. Olio d'oliva

È stato scoperto che la dieta mediterranea è adatta a ridurre il rischio di artrite reumatoide proprio grazie all'olio d'oliva usato in cucina.

L'olio d'oliva è una ricca fonte di agenti anti-infiammatori, grassi mono-saturi e antiossidanti. Funziona proprio come i FANS poiché inibisce i composti proinfiammatori che a loro volta riducono l'infiammazione e il dolore.

Anche scientificamente stati alcuni studi dimostrano che l'olio d'oliva non solo aiuta a ridurre i sintomi dell'artrite reumatoide, ma riduce anche il rischio di insorgenza della condizione. Uno di questi studi dimostra che l'olio d'oliva, se usato in combinazione con integratori di olio di pesce, migliora notevolmente l'esito del trattamento per l'artrite reumatoide.

2. Mela

“Una mela al giorno toglie il medico di torno”

Questo detto comune è perfetto per i pazienti che soffrono di artrite reumatoide. Le mele contengono minerali come il boro e il magnesio, buoni per le ossa. Le mele sono anche ricche di antiossidanti.

Gli antiossidanti aiutano il corpo a combattere i radicali liberi dannosi per le cellule e a ridurre l'infiammazione. In uno studio recente condotto sulla buccia di mela, è stato dimostrato che la buccia di mela trasporta acido ursolico che ha proprietà antinfiammatorie.

Lo sapevi che la buccia di una mela ha 8 volte più antiossidanti rispetto alla sua polpa? Per il massimo beneficio non sbicciarla!

3. Curcuma

La curcuma è una spezia famosa con una serie di ruoli medicinali in Ayurveda. È considerato un farmaco miracoloso nel trattamento dell'artrite reumatoide in varie parti dell'India.

Le sue proprietà medicinali sono attribuite ai curcuminoidi che funzionano per ridurre il gonfiore e quindi alleviare i sintomi della malattia. In passato, studi condotti su cavie hanno dimostrato la natura anti-artritica dei principali curcuminoidi presenti nella curcuma.

In tempi recenti questi studi sono stati estesi alla popolazione umana per dimostrare il valore medicinale della curcuma nel trattamento dell'artrite reumatoide. In futuro maggiori studi clinici e ricerche possono aprire la strada come potente farmaco.

4. Olio di pesce

L’olio di pesce è il rimedio più noto per l'artrite reumatoide in quanto un'ottima fonte di acidi grassi omega-3 (EPA e DHA).

Essi formano le molecole precursori per i regolatori chimici come prostaglandine, trombossani e leucotrieni che hanno un ruolo importante nelle principali funzioni biologiche contro l'infiammazione e a favore dellle risposte immunitarie.

Un'osservazione “naturale” a sostegno della rilevanza dell’olio di pesce nell'alleviare e prevenire i sintomi dell'artrite reumatoide è che le persone che vivono in climi freddi, ad esempio gli eschimesi, hanno una minore prevalenza della malattia poiché consumano grandi quantità di pesce.

Attenzione però, l'assunzione di pesce come tonno, salmone, sgombro e aringa è preferibile rispetto al consumo di capsule ricche di olio di pesce, perché l'assunzione eccessiva potrebbe portare a malattie cardiovascolari e altre complicazioni.

5. Zenzero

In un piccolo studio condotto nel 1992, 56 pazienti affetti da artrite reumatoide sono stati testati per i sintomi artritici dopo la somministrazione di zenzero in polvere.

È stato riscontrato che lo zenzero migliora i sintomi dell'artrite nei pazienti. Negli anni successivi gli effetti antinfiammatori dello zenzero sono stati studiati da diversi gruppi di ricercatori.

È stato riscontrato che lo zenzero trasporta gingeroli, un potente composto anti-infiammatorio. Questi gingeroli inibiscono la produzione di ossidi di azoto.

L'ossido nitrico è una molecola altamente reattiva che produce radicali liberi dannosi. L'inibizione della produzione di questi ossidi nitrici impedisce quindi il danneggiamento della cartilagine.

Anche l'estratto di zenzero inibisce la produzione di prostaglandine e leucotrieni responsabili di causare gonfiore e infiammazione delle articolazioni.

Lo zenzero protegge quindi la cartilagine dalla distruzione. Attenzione però: i pazienti affetti da calcoli biliari devono evitare un'eccessiva assunzione di zenzero.

6. Cipolla

Le cipolle sono la fonte più ricca di bioflavonoidi antiossidanti denominati quercetina. La quercetina ha una importante funzione anti-infiammatoria che è stata dimostrata anche da varie ricerche.

Grazie all'attività antiossidante delle cipolle, è efficace contro i radicali liberi all'interno delle articolazioni e riduce anche il rilascio di enzimi degradanti della proteina.

Ma non tutte le cipolle sono una ricca fonte di antiossidanti. Uno studio condotto dalla Cornell University ha dimostrato che gli scalogni, le cipolle gialle e rosse sono una fonte migliore di quercetina rispetto alle varietà di cipolla bianca e dolce.

Oltre alle cipolle contengono quercetina anche cavolo, porro, broccoli e pomodori.

7. Frutti di bosco

Le bacche sono considerate antidolorifici naturali.

Estremamente efficaci nel ridurre il dolore e l'infiammazione da artrite, sono la fonte più ricca di antociani. Gli antociani aiutano a ridurre i radicali liberi ea proteggere a loro volta le ossa e la cartilagine dal danno ossidativo.

Oltre a questo antociani aiutano nella produzione di collagene, che è il principale tessuto connettivo necessario per il corretto movimento delle articolazioni.

Allo stesso modo i mirtilli sono una ricca fonte di antiossidanti come la quercetina che porta effetti anti-infiammatori. Un altro studio condotto dalla Harvard University School of Public Health ha dimostrato l'efficacia delle fragole nel trattamento dell'infiammazione dovuta all'artrite reumatoide.

Tutte queste bacche sono ricche di antociani che svolgono un ruolo fondamentale nell'alleviare il dolore e l'infiammazione. Secondo un rapporto dell'Arthritis Research UK, le antocianidine sono risultate essere un efficace trattamento alternativo per combattere l'artrite reumatoide.

La ricerca ha dimostrato una significativa riduzione della rigidità, del dolore e dei disturbi del sonno per molti pazienti affetti dalla malattia. Quindi l'inclusione di bacche potrebbe essere considerata un metodo sicuro, gustoso ed efficace per trattare l'artrite.

8. Ananas

L'ananas è considerato un utile rimedio casalingo sia per l'artrite reumatoide che per l'artrosi. Si dice che porti con sé vari enzimi che conferiscono alle proteine​ proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche.

Uno di questi gruppi di enzimi è chiamato bromelina. La bromelina è estremamente efficaci nel cpmbattere i sintomi dell'artrite.

Sono stati eseguiti un certo numero di ricerche e studi clinici per dimostrare il significato di questi enzimi. In realtà la bromelina si usa come terapia alternativa per le lesioni sportive e per infiammazioni acute.

Essa diminuisce i livelli di bradichinina nel corpo che si traduce in una riduzione della permeabilità vascolare diminuendo così l'edema e il dolore.

9. Noci brasiliane

Le noci del Brasile sono la fonte più alta di selenio al mondo.

Il selenio svolge un ruolo importante riguardo all'artrite reumatoide. In uno studio condotto nel 1985 è stato riscontrato che il livello di selenio nei pazienti affetti da reumatismo acuto era considerevolmente basso rispetto ai livelli normali.

Il selenio è necessario per il corretto funzionamento di un enzima chiamato glutatione perossidasi che è importante in caso di artrite reumatoide.

Il selenio, inoltre, possiede un ruolo antinfiammatorio in quanto facilita la produzione di enzima glutatione perossidasi e svolge un ruolo importante per potenziare l'attività del sistema immunitario.

Ci sono infine studu che dimostrano che il selenio ha un effetto positivo nel ridurre il dolore e il gonfiore nei pazienti affetti da artrite reumatoide.

10. Melograno

Il succo di melograno è efficace nel ridurre il dolore, il gonfiore e la dolorabilità delle articolazioni nei pazienti con artrite reumatoide. Il melograno contiene polifenoli, carotenoidi, vitamina C, vitamina E, antocianine e acido ellagico.

L'acido ellagico blocca gli agenti infiammatori attivi che sono responsabili della degradazione della cartilagine e riducono l'infiammazione.

Uno studio pilota condotto nel 2011 ha dimostrato che il consumo di succo di melograno riduce lo stress ossidativo e i sintomi della malattia in caso di artrite reumatoide.

Quindi l'integrazione alimentare con melograno potrebbe essere una misura efficace per attenuare i sintomi di questa malattia.

11. Tè verde

Il tè è la forma di bevanda maggiormente preferita in molte parti del mondo, in particolare Cina, India e Giappone. Una tazza di tè verde contiene circa 50-150 milligrammi di polifenoli.

Questi polifenoli possiedono proprietà antiossidanti e quindi aiutano il corpo contro il danno ossidativo. In uno studio condotto dalla Case Western Reserve University nel 1999, fu inizialmente dimostrato il ruolo del tè verde nella prevenzione dell'artrite reumatoide.

In questo studio sono stati fatti test su cavie per l'insorgenza della malattia con o senza integrazione con polifenoli del tè verde. Dopo aver completato con successo questo studio è stato riscontrato che il 56% delle cavie che sono stati nutrite con polifenoli del tè verde non ha sviluppato l'artrite reumatoide.

Dopo questo studio, è stato affermato che i polifenoli del tè verde hanno un'attività antiossidante molto più potente della vitamina C e della vitamina E.

12. Vino rosso

Questo potrebbe sembrare un’ossimoro poiché l'alcol è considerato uno degli alimenti da evitare in caso di artrite reumatoide.

Ma questa è un'eccezione! Il vino rosso è una buona fonte di resveratrolo che blocca il rilascio di sostanze infiammatorie e aiuta ad alleviare i sintomi dell'artrite reumatoide.

In uno studio condotto presso l'Università di Glasgow, è stato dimostrato l'effetto del resveratrolo nel modulare gli effetti dell'artrite infiammatoria.

Con ulteriori studi è stato possibile stabilire un legame tra il consumo di vino rosso e il trattamento dell'artrite reumatoide.

13. Peperoncini

Il peperoncino trasporta la capsaicina fitochimica che conferisce il sapore ardente. La capsaicina è risultata essere un inibitore della sostanza P, un neuropeptide associato a gonfiore e infiammazione. Gli effetti della capsaicina nell'artrite sono stati studiati per molto tempo.

È stato dimostrato che ha un ruolo diretto nel metabolismo delle cellule sinoviali. In uno studio pubblicato nel 1990, si è scoperto che la capsaicina, a basse dosi, induceva la produzione di prostaglandine mentre a dosi più alte era responsabile della sintesi di collagenasi.

Questo studio ha dimostrato il ruolo della capsaicina nel monitoraggio dell'artrite. Nel corso degli anni l'applicazione topica dei gel di capsaicina è stata riconosciuta come un potente trattamento per l'artrite reumatoide.

In uno studio in doppio cieco condotto nel 1991, a 70 pazienti con osteoartrite e 31 con artrite reumatoide è stata somministrata capsaicina per quattro settimane e i sintomi della malattia sono stati monitorati attentamente.

È stato riscontrato che entrambi i tipi di pazienti presentano una riduzione del dolore e dell'infiammazione con una riduzione media del 57% per l'artrite reumatoide e del 33% per l'artrosi. Tali risultati sono incoraggianti per il futuro della medicina alternativa.

14. Aglio

L'aglio è noto per i suoi effetti medicinali in tutto il mondo. In Russia è usato in modo estensivo per i disturbi reumatici. Possiede proprietà antinfiammatorie che aiutano nelle malattie reumatiche.

Nel medioevo si raccomandava di legare un panno di mussola che portava spicchi d'aglio schiacciati attorno all'infiammazione delle articolazioni per alleviare il dolore e il gonfiore. Oggi anche l'aglio in combinazione con lo zenzero è considerato un rimedio perfetto per l'artrite reumatoide.

L'aglio contiene un composto medicinale noto come Allicina che lo rende capace di funzione terapeutica. Una recente ricerca condotta nel 2010 mirava a studiare gli effetti dell'Allicina sull'artrite reumatoide sperimentale.

15. Avocado

L'avocado è un frutto ricco di oli mono-saturi, potassio, acidi grassi essenziali, sito-sterolo e vitamina E.

È efficace nell'abbassare l'infiammazione articolare e nella stimolazione delle cellule ossee e cartilaginee, determinando la riparazione della cartilagine. È stato conosciuta la sua efficacia nei pazienti con osteoartrosi ed è considerato per contenere alcuni benefici per i reumatismi.

È noto per il suo uso topico. Gli insaponificabili di avocado/soia sono stati testati per l'osteoartrosi del ginocchio e dell'anca e hanno fornito risultati incoraggianti. Tali studi dimostrano il significato degli avocado nel fornire sollievo dai sintomi della malattia nell'artrite reumatoide.

Abbiamo parlato di agenti anti-infiammatori, magnesio, antiossidanti, efficacia contro radicali liberi,

vitamine… e se ti dicessi che questi elementi insieme ad altri sono contenuti in un unico prodotto?

+ 1. NutryCell

Si tratta di NutryCell un integratore alimentare completamente naturale a base di Lithothamnium Calcareum, un'alga rossa (scoprila qui), estremamente ricca di Calcio, Magnesio, Silicio, in forma organica altamente biodisponibile.

È efficace nella prevenzione dell'osteoporosi e dei problemi osteoarticolari degenerativi come l'artrite e l'artrosi. Aiuta a contrastare la decalcificazione ossea e può essere utile in caso di fratture.

Guarda la testimonianza di Angela in questo video: http://bit.ly/Artrosi

L'artrite reumatoide è un disturbo grave che può causare molto dolore, disagio e immobilità ai pazienti. Tuttavia con diagnosi precoce e trattamento adeguato potrebbe essere monitorato.

La natura ci ha fornito numerose opzioni per condurre una vita sana. Pertanto, il mantenimento di una dieta equilibrata, l'inclusione di alcuni degli alimenti sopra indicati nella dieta quotidiana e una corretta integrazione potrebbero mostrare un miglioramento significativo dei sintomi della malattia per i pazienti.

Anche l'importanza dell'esercizio fisico regolare non deve essere sottovalutata. È una chiave per la salute della mente e del corpo.

Per informazioni contattaci sulla nostra pagina Facebook www.facebook.com/Avessence/ o chiamaci allo 0110202686. Ti aspettiamo!

 

 (8424)    (1)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha
Commenti di Facebook